e…mamma Marta BIS!!

4 DICEMBRE 2017, ORE 9.46 ADELE è CON NOI!

Dopo 1 settimana di attesa anche Adele è arrivata. Ora si deve riprendere con i ritmi e il tram tram di sempre…forse non proprio di sempre, forse tutto relativamente più lento e scandito da appuntamenti fissi: allattamento, cambio, sonno, allattamento, cambio, sonno ecc. Questo è necessario per riuscire a sopravvivere ai primi mesi di vita della nuova arrivata.

In questa condizione da MONDO PARALLELO, i pensieri vanno e a volte prendono delle strade un po contorte e non proprio lucide. Anche se sono argomenti molto personali, credo sia giusto condividerli, sopratutto in questa fase della mia carriera professionale dove sto seguendo e aiutando diverse donne in attesa.

Certo l’ansia può immobilizzarti e non darti la forza di fare cose che prima sembravano spontanee e normali; ma farsi trascinare e non ricorrere ai ripari (anche facendosi aiutare dalle persone “professionalmente adeguate”) può determinare l’inizio del cataclisma.

Io non so, ma questa seconda gravidanza mi ha dato molto dolore fisico…e per questo più volte mi sono sentita in down, ma, fortunatamente grazie a mille persone che mi stanno vicine, ogni giorno mi sento molto molto meglio e piano piano sto riprendendo in mano la mia giornata.

Proprio li voglio arrivare, perchè sentirsi stanche e staccate dalla realtà, aiuta molto a ritrovarsi giorno dopo giorno sempre più lontano dalle vecchie abitudine salutari che con tanta fatica si sono inserite nella vita. Anche in questo caso l’organizzazione è la base da cui partire. E ho pensato di darvi alcuni, velocissimi consigli, per non farsi trascinare dalla non curanza E PERDERE la retta via:

  1. BERE, ACQUA: essenziale, bere almeno 2 litri al giorno. questo sempre ma in allattamento l’acqua è come una medicina, una terapia medica. Senza acqua il corpo farà fatica a produrre il latte necessario e sopratutto, rallenterà la perdita di liquidi in eccesso che si sono accumulati in questi 9 mesi di gravidanza.
  2. MANGIARE ALMENO 6-8 VOLTE AL GIORNO: fare piccoli e frequenti pasti è essenziale per mantenere alta l’energia che il corpo richiede nella produzione di latte. Questo non vuol dire strafogarsi di dolci e schifezze ma organizzarsi con spuntini salutari, in questo momento frutta/creckers/pane/verdura/frutta secca.
  3. COLAZIONE DA CAMPIONE: partire subito con tanta energia. Questo aiuterà il nostro corpo a produrre buon latte e sostanzioso e a riempire il nostro corpo di endocrine. in questo momento della giornata infatti ci si può concedere qualche dolcetto in più: fetta di panettone/torta ecc. E in più, generalmente, al mattino i piccolini sono più buoni e gestibili, e il tempo per sedersi e far colazione è più facile da trovare.
  4. SEMPRE VERDURA: cercare di accompagnare ogni pasto con verdura. Non si ha tempo, ok, è vero, però si può in questo periodo, utilizzare alimenti surgelati o buste di insalata che salvano la vita a tutti. Quando si ha fame ora ci sono i finocchi/carote/che non richiedono tempo di preparazione.

Sono piccoli consigli, veloci e banali ma che fa sempre bene ripassare!

Piano piano sto recuperando!

A presto….e il grande fratello “MARTA” vi osserva!!!!

Marta