Prossima, molto prossima alle mie ferie (dal 21 agosto al 2 settembre), sento il bisogno di spiegare, o cercare di spiegare…come EVITARE L’ENNESIMO TENTATIVO DI “CAMBIO VITA” a….TENTATIVO DI FALLIMENTO.

Settembre, come Gennaio, per moltissimi rappresenta l’anno 0…il punto di inizio di tantissime cose…sopratutto di progetti che generalmente coinvolgono la sfera fisica ed emotiva. Progetti bellissimi che presuppongono cambiamenti radicali di abitudini ormai consolidate e altrettanti obiettivi stellari che …..quasi inevitabilmente sfociano in delusioni e quindi in abbandono di PIANI COSI ALTEZZOSI.

Per il mio lavoro, come per le palestre o personal, SETTEMBRE E/O DICEMBRE, sono i mesi migliori da un punto di vista economico, ma, almeno per quanto mi riguarda, sono i peggiori per le richieste che mi vengono fatte dai pazienti: si può passare da “vorrei perdere 10 kg in 1 mese”, “andare a correre 10 volte alla settimana”, “mangiare solo frutta e verdura”….progetti che hanno già scritto la data di scadenza….per un ritorno inevitabile alla vita che si faceva prima.

I cambiamenti troppo aggressivi non portano MAI, a buoni risultati e sopratutto a risultati duraturi nel tempo.

Prima di intraprendere un NUOVO percorso di vita, che sia sportivo, alimentare o entrambi, BISOGNA assolutamente essere consapevoli delle PROPRIE POTENZIALITÀ’ PER NON CREARE ASPETTATIVE ECCESSIVE CHE INEVITABILMENTE PORTANO AL FALLIMENTO E QUINDI ALL’ABBANDONO.

MA Perché è COSI DIFFICILE “STARE A DIETA”?

non mi occupo di movimento e programmazione sportiva, quindi parlo solo di dieta. Stare a dieta, cosi come molte persone percepiscono e considerano…è sinonimo di SOFFERENZA E RESTRIZIONE. E finché ci sarà questa convinzione la strada per il cambiamento reale sarà molto limitata.

Stare a dieta invece deve essere intesa e percepita come “VOGLIO MANGIARE MEGLIO” E “ORGANIZZO MEGLIO LA MIA GIORNATA ALIMENTARE”…bisogna partire da li, se si vuole innescare un meccanismo spontaneo di cambiamento. Cambiare il punto di vista.

  • ORGANIZZARE LA SETTIMANA: la dieta non è altro che una pianificazione abbastanza serrata e rigida della settimana culinaria. Per non cadere in errori, bisogna segnarsi, giorno dopo giorno COSA si vuole mangiare e sulla base di quella struttura ORGANIZZARE LA SPESA!Se quando si arriva a casa alle 14 dal lavoro, l’unica cosa pronta e fruibile è il gorgonzola e una piadina….cosa si mangerà????? basta scuse NON SI HA TEMPO…il tempo è uguale per tutti, bisogna volerla una cosa. 1 ora di tempo per scrivere su un foglio i piatti della settimana SI TROVA! e sulla base di quella andare o mandare altri a fare la spesa. Nella pianificazione della settimana IMPORTANTISSIMO, per non cedere al fallimento, INSERIRE ALMENO 2 COSE GUDURIOSE A CUI NON SAPPIAMO RESISTERE!!!!!ES: pizza/sushi/bombolone…….

 

  • ORGANIZZARE LA COTTURA DEGLI ALIMENTI: altro punto essenziale per non ritrovarci con le vecchie abitudini di sempre è la preparazione degli alimenti prima. NON ritrovarsi con ancora il riso da cucinare o l’orzo crudo o le verdure sporche. Cosi non si va da nessuna parte. NON AVETE TEMPO …..benissimo, il rimedio, comprate verdura surgelata solo da cucinare, comprate riso o chicchi pre cotti solo da scaldare…e comprate pane in fette solo da scaldare al forno. Anche se…con sta storia del tempo….COME MAI PER GUARDARE FACEBOOK/INSTAGRAM IL TEMPO SI TROVA???? ve lo siete mai chiesti????

 

  • SOFFRIRE MA CON INTELLIGENZA: i piani e i progetti che prevedano uno sconvolgimento totale delle vecchie abitudini hanno una data di scadenza di massimo 1 mese. Se dal divano si passa a correre 10 volte alla settimana il fallimento è dietro l’angolo….se da mangiare anche l’ombra del diavolo passate a insalatina e tonno tutti i giorni…non si arriverà neanche a natale. Bisogna fare e organizzare passi progressivi…solo cosi si arriverà ad un piano completo e duraturo nel tempo.

 

  • IL PROGRAMMA DEVE ESSERE RISPETTATO: una cosa che mi preme dire e scrivere bene…è che il piano e la nuova vita e stile di vita non deve essere ABBANDONATO al momento del raggiungimento dell’obiettivo. Se per arrivare all’obiettivo peso/salute deciso si è programmato un punto A (buona alimentazione) e un punto B (buona attività fisica)…..è inevitabile che se si toglie uno di questi due punti si ritorna inevitabilmente al punto di partenza. Molti mi chiedono “MA IO DEVO STARE A DIETA A VITA???”  mai una domanda più sbagliata. Inizialmente l’alimentazione può anche essere più restrittiva per determinare un calo ponderale… E QUINDI successivamente più elastica su alcune scelte, ma comunque dovrà essere UNA BUONA ALIMENTAZIONE …..e diversa da quella di sempre che aveva appesantito la situazione.

 

PRIMA DI DECIDERE “ORA MI METTO A DIETA” “ORA CONSUMO LA STRADA A FORZA DI CORRERE”….vi prego, FATE UN PROGRAMMA, DECIDETE UN OBIETTIVO FATTIBILE E RAGGIUNGIBILE….E DA LI IMPOSTATE IL VERO CAMBIAMENTO…SENZA SCADENZA!

E CON QUESTO VI SALUTO, PARTO E…CHISSÀ SE Ritornerò!

DAL 21 AGOSTO AL 2 SETTEMBRE SARò REPERIBILE SOLO PER MAIL (marta@martabaldini.it)!

BUONA RIPRESA A TUTTI

MARTA