,

ARRIVANO LE FERIE E ORA???!!!!!!!

Domanda maggiormente fatta in queste giornate di controlli con i miei pazienti: “ ADESSO CHE PARTO PER LE FERIE COME DEVO COMPORTARMI?”….

La mia risposta riprende sempre la mia MODALITà PERSONALE DI AFFRONTARE IL PERIODO FERIE/VACANZE e sicuramente disattende molto le aspettative dei pazienti che vorrebbero sentirsi elencare una sorta di lista di azioni e cibi da evitare…per MANTENERE SICURAMENTE I RISULTATI OTTENUTI FINO AD ORA.

Invece proprio NO!

La parentesi FERIE/VACANZA assolutamente non DEVE essere affrontata con ansia o angoscia a causa del mancato controllo dell’alimentazione. Se piena di sensazioni brutte, queste tante agognate vacanze, si trasformeranno in qualcosa di brutto e di poco gratificante, riempiendo di nervosismo qualcosa nato per dare RELAX.

MA PERCHE’ NON DOBBIAMO “STARE A DIETA” IN FERIE?

Non è proprio così. Con le mie parole NON VOGLIO DIRE, aprite le bocche e ingurgitate ogni ben di dio….no, assolutamente no. Voglio solo trasmettere il concetto, che se per una settimana o massimo due, non si usa il bilancino della precisione sugli alimenti, ma si osservano a grandi linee gli insegnamenti/ i pilastri di una SANA ALIMENTAZIONE, i danni saranno contenuti e sopratutto si sarà evitato di tornare dal periodo di relax con più stress di prima. Con una settimana NON si manda in fumo nulla. Assolutamente no. Sopratutto il periodo di vacanza deve essere interpretato come un banco di prova per dimostrare a noi stessi che anche in condizioni di instabilità (hotel/ristorante/socialità) si riesce a mantenere una retta via, uscendo ogni tanto dal seminato, ma senza perdersi totalmente. PROPRIO QUESTO è IMPORTANTE. Se si esce un attimo dal super controllo, poi, l’errore più grave sarà perseverare su quella strada.

QUINDI…ASSIMILATO CHE NON DOBBIAMO OBBLIGATORIAMENTE TOGLIERCI OGNI PIACERE….COME CI SI PUò COMPORTARE?

  1. SNACK. Per evitare spiluccamenti inutili, bisogna essere attrezzati. Quindi in valigia, portarsi barrettine proteiche, sacchettini di frutta secca e disidrata, olive….e in base alla destinazione scelta ci si può riempire la borsa con frutta fresca. Sicuramente se si hanno opzioni in borsa sarà più facile resistere a gelati/ patatine e via dicendo;
  2. ACQUA. Assolutamente mai e poi mai ritrovarsi senza acqua. Bisogna idratarsi per non andare in disidratazione e anche per evitare di rifugiarsi in bevande zuccherine quali granite/ succhi/ cola per via della sete e del caldo (quelle sono deleterie);
  3. PRANZO. la differenza la fa molta la destinazione. Se siete al mare, tendenzialmente consiglio di portarsi insalate fredde a base di riso/orzo con verdure e proteine, oppure se andate al bar o ristorante ordinare un secondo di pesce con verdure. Ma sbagliatissimo saltare il pranzo o rifugiarsi in un mini panino o in sola frutta. In questi ultimi casi, poi durante orario aperitivo cena la fame sarà talmente tanta da non potersi controllare. Perchè soffrire a pranzo? non bisogna privarsi di nulla, ma magari compensare bene! Chiaramente in montagna le cose sono differenti. Durante una camminata la scelta del panino è la piu comoda, ma magari usate il pane integrale o di segale/ con fesa o con prosciutto cotto o crudo e…qualche pomodoro. Evitate salse o pasticci vari;
  4. CENA. la cena per molti è sacra, si va al ristorante. Bene, giustissimo degustare le pietanze tipiche del posto. Ma al ristorante si possono avere comunque degli accorgimenti: lasciare stare pane/grissini/piadine del cestino e aspettare la pietanza scelta con qualche verdura (si puo chiedere insalata o verdura come antipasto). Liberissimi di scegliere il piatto che più vi ispira…ma ricordatevi che il dolce è sempre un di più…magari dividetelo con il vostro compagno o amici;
  5. ALCOL. Dilemma assoluto. Quanto possiamo bere? ma…..alcol non è un nutriente e quindi non posso consigliare una dose….ma posso fare la graduatoria dal migliore al peggio: calice di vino frizzante/ vino bianco o rosso fermo/ birra/ aperitivi tipo spritz/ pestati o super alcolici….A VOI LA SCELTA!!!
  6. ATTIVITA’ FISICA. se non volete portarvi dietro nulla di attrezzi, in ferie già può essere utilissimo passeggiare in acqua o nuotare….andare su e giu per le scale di un borgo…insomma, nessuna imposizione, importante godersi il luogo prescelto.

Detto questo….sono pochi consigli..ma spero di avervi illuminato su alcuni punti e su come gestire al meglio le vacanze estive SOGNATE PER TUTTO L’INVERNO!

BUONA ESTATE!!!!!

MARTA