,

LE GRANDI ABBUFFATE…GESTIAMOLE!

LA GRANDE ABBUFFATA….O MEGLIO, LE GRANDI ABBUFFATE, VISTO CHE IL PERIODO NATALIZIO SEGNA COME INIZIO IL 15 DICEMBRE CON CHIUSURA DEI LAVORI AL 7 GENNAIO….

Momento sicuramente molto atteso dal pubblico dei piccoli, ma il più temuto per chi è a dieta e per chi ci tiene alla linea e al mantenimento:  NATALE!!!!!!

In un’unica parola amore e odio.

Amore per tutti i piaceri che ci offre, odio per quell’ago della bilancia che, inesorabilmente, si muove sempre più a destra. Inesorabilmente per chi, non sapendo gestire i proprio impulsi e le variabili esterne, si concede di tutto e di più…dimenticando completamente quei semplici e pratici consigli che SI POSSONO RITROVARE NELLE MIEI PAROLE!

Come comportarsi allora? Per non ingrassare bisogna dire no agli inviti in famiglia ed evitare le tentazioni? No, non c’è bisogno di arrivare a questa drastica scelta se si riuscirà ad adottare qualche strategia per gestire le tentazioni senza bisogno di rinunciarvi.

Come prima cosa bisogna entrare nell’ottica che avere un’alimentazione corretta durante tutto l’anno può darci la possibilità, ogni tanto, anche di poter cedere a qualche peccato di gola in quanto sarà più facile recuperare.

E’ sempre vero, dunque, il detto popolare che: “non si ingrassa da Natale a Capodanno, ma da Capodanno a Natale”.

Vediamo insieme quali sono i  punti cardine del nostro “vademecum nutrizionale” per uscire indenni da questi 15 giorni di fuoco…e fornelli!!!

  1. PIANO SETTIMANALE: in base agli inviti e agli impegni a tavola, bisogna stilare una sorta di piano alimentare settimanale in cui inserire giornate di scarico (ovvero limitare le calorie ma sopratutto il carico glicemico del pasto) per compensare le serate o i pranzi liberi. Bisogna ricordarsi che si lavora sempre sul piano settimanale e mai giornaliero, per cui se esco lunedì sera  e anche sabato e domenica, consiglio di evitare pane/lievitati/latticini/ prodotti preconfezionati per i due giorni seguenti(martedì e mercoledì). Scegliere invece vellutate, minestroni, frutta fresca e verdura drenante. Avere sotto controllo il bilancio energetico generale. Se poi ci aggiungete anche una sana attività fisica, allora sicuramente non si andrà oltre al peso iniziale.
  2. NON STRAVOLGERE LA DIETA NEI PASTI PRE FESTA. Questo è un punto fondamentale, perché molti pazienti iniziano a rinunciare ai pasti il giorno stesso dell'”abbuffata”. Questo è sbagliatissimo perché crea uno squilibrio glicemico enorme giornaliero, inducendo un accumulo eccessivo di acqua e grasso. Invece bisogna mangiare tutti i pasti e le merende del giorno stesso e poi compensare il giorno seguente. Mai arrivare al pasto libero con tanta fame, sbagliatissimo. Il giorno seguente mangiare regolarmente, non saltare i pasti. Prediligere molta frutta, verdura, cereali integrali e legumi durante i pasti principali permette di avere un effetto depurativo e limitare il senso di fame.
  3. COLAZIONE RICCA. Partire con slancio la mattina è sempre cosa buona e giusta. SEMPRE! mai saltare la colazione e sopratutto mai saltarla quando si ha in programma un pranzo aziendale da 5 ore o un pranzo natalizio da 10 ore. Preferire alimenti proteici che aiutano a non avere quel languorino di metà mattina. Ciò, durante le vacanze, è ancora più importante perché è più facile cedere alla tentazione bar-tramezzino-cornetto dal momento che si è in vacanza! colazione con uova o toast e succo o spremuta, molto buona e saziante.
  4. BERE TANTA ACQUA. In vista di pranzi e cene molto saporiti aumentiamo la quantità di acqua che siamo soliti bere in una giornata. Se ci incontriamo con i nostri amici evitiamo di vederci durante l’ora dell’aperitivo e prediligiamo l’ora del te (possibilmente evitando i biscotti al burro da accompagnamento). Oppure quando si gioca a carte davanti al camino o quando ci si risveglia dal pisolino pomeridiano scegliamo una buona e calda tisana che rende il periodo ancora più “caldo”. Consiglio tisana con cardo/finocchio e liquirizia.
  5. BARRETTA PROTEICA PRE CENA. Questo è un mezzuccio che utilissimo spesso per non cadere in tentazione appena seduta a tavola. Subito dopo la doccia, mentre mi preparo per uscire, mangio una mini barretta proteica per aumentare il mio stato di sazietà e ridurre la voracità a tavola. Questo mi impedisce di abbuffarmi subito di pane e grissini fatti in casa o di eccedere con le doppie porzioni. Lo stesso effetto si può ottenere mangiando prima di uscire una mela con buccia o due o tre carote.
  6. CASALINGHE. Preparare più pietanze in casa utilizzando ingredienti freschi e di sicura provenienza, facciamo questa scelta e la nostra linea ne gioverà. E’ vero, ci si impiega più tempo ma il sapore è sicuramente più buono e mangiamo, di sicuro, meno grassi, zuccheri e conservanti rispetto al cibo confezionato e ed è anche più divertente. Alla fine siamo in vacanza e possiamo, con la scusa, sempre farci aiutare da parenti e amici.
  7. ATTIVITÀ’ FISICA. Non dimenticarsi dell’attività fisica. Per i più pigri che vogliono prendersi una pausa dalla palestra usiamo sempre piccoli accorgimenti per tenerci in movimento. Prediligiamo le scale all’ascensore; se manca il pane e il panificio è dietro l’angolo andiamo a piedi ed evitiamo l’auto. Troviamo sempre il modo di fare qualche passeggiata durante il giorno, anche solo dieci minuti. Esistono mille routine da 20 minuti che ci permettono di consumare calorie senza uscire da casa.
  8. MASTICARE LENTAMENTE. Durante i pasti dei giorni di festa mangiamo lentamente ed evitiamo di fare il bis o il tris di tutte le portate. Evitiamo cosi di appesantirci oltremisura e ci concediamo la possibilità di assaggiare (con più gusto) tutte le portate presenti nel menu. Mangiare di tutto un po’ è la strategia giusta per rimanere lucidi anche mentalmente e magari non addormentarsi durante la tombolata di famiglia post-pranzo (e perché no, vincere!!). E anche quando siamo sazi il piatto di verdura ci deve essere sempre…..
  9. ALCOOL. Riduciamo al minimo il consumo di alcolici e super alcolici e rispettiamo il senso di sazietà. Il nostro fegato, già affaticato da tutto il resto, ci ringrazierà sicuramente! IL VERO PèROBLEMA DI UN PRANZO NATALIZIO è PROPRIO NELL’APPORTO DI ALCOL. BASTA UN BRINDISI!

 

Più che “regole”  sono delle accortezze da avere giorno dopo giorno, anche lontano dal periodo Natalizio . Dobbiamo scegliere quotidianamente di volere bene a noi stessi e non solo in alcuni periodi dell’anno. Siamo disposti a farlo? Se la risposta è positiva allora guarderemo al Natale senza ansia e non avremo nessun senso di colpa …ma, naturalmente, senza esagerare !

BUONE FESTE

MARTA